Home Tempi Postmoderni Scienze Una “graffetta” in titanio contro il sudore eccessivo

Una “graffetta” in titanio contro il sudore eccessivo

Per la maggior parte delle persone si parla di normale sudorazione “di routine”, eppure per alcuni il sudore, specie quando eccessivo, rappresenta la manifestazione di una malattia chiamata “iperidrosi”. I problemi sono tanti e spesso condizionano la vita di chi deve combattere ogni giorno contro il sudore sovrabbondante: stringere la mano a qualcuno diventa imbarazzante, è sempre utile avere abiti di ricambio ed indossare colori scuri, viene meno l’autostima e i rapporti interpersonali ne risultano danneggiati. I rimedi vanno dall’uso di antitraspiranti alla ionoferesi, che consiste in periodiche correnti elettriche indolori. E’ possibile poi inibire le ghiandole sudoripare e bloccare la produzione eccessiva di sudore grazie alla tossina botulinica, che deve essere periodicamente iniettata. Nessuno di questi rimedi è però definitivo.

La chirurgia rappresenta l’unico trattamento definitivo: alla già consolidata simpatectomia, con la quale si ha la recisione del nervo mediante l’elettrobisturi o il laser, si aggiunge oggi l’alternativa “simpaticopassi” o clamping. Per facilitare la vita degli affetti da iperidrosi arriva infatti la “graffetta” miracolosa: questa nuova tecnica consente di comprimere il nervo con l’utilizzo di clip in titanio, così da bloccare la capacità del nervo simpatico di trasmettere segnali alle ghiandole sudoripare. La tecnica modificata è stata presentata dal professor Granone  dell’Ospedale Gemelli di Roma attraverso un articolo sull’European Association for Cardio-Thoracic Surgery.