Amy Winehouse: furto in casa sua

Si è verificato un furto in casa di Amy Winehouse sono stati sottratti due abiti valutati circa 130mila sterline. I due vestiti sarebbero stati messi all’asta per aiutare la fondazione dedicata alla sfortunata cantante: fra questi, l’abito con cui ha sposato Blake Fielder-Civil.

I due capi- I vestiti sarebbero stati messi presto all’asta e valutati per raccogliere fondi a favore della fondazione intitolata alla memoria della sfortunata cantante, scomparsa tragicamente nel luglio 2011 appena 27enne. Si tratta del suo abito nuziale, quello indossato nel 2006 quando Amy ha sposato Blake Fiedler-Civil e di un abito da cocktail che l’artista ha indossato sei anni fa partecipando,  ad un popolare show della BBC.  Il vestito da sposa era stimato intorno alle 100mila sterline; un po’ meno, l’altro abito, circa 30mila. La loro vendita avrebbe sovvenzionato i tanti progetti finanziati dalla Amy Winehouse Foundation, fra cui case-famiglia per bambini e servizi di sostegno per tossicodipendenti.

Un furto insolito- Il furto è avvenuto nella casa di Camden, nella zona nord di Londra, proprio quella in cui la cantante è stata trovata morta per un’intossicazione da alcool.  Mitch Winehouse,  padre di Amy, ha spiegato che la casa della figlia verrà messa in vendita e tutti gli oggetti che ne fanno parte sono già stati catalogati e preparati per essere conservati. È probabile che gli abiti siano stati sottratti proprio durante questo lavoro di classificazione dei beni di Amy, un processo che ha visto coinvolte poche persone ma con un traffico di gente. Proseguendo: “Stiamo cercando di capire se manchi qualcos’altro all’elenco.” È strano, ad esempio, che non siano stati presi alcuni dei suoi abiti firmati mentre il suo vestito da sposa era un semplice abito di cotone e che aveva pagato un centinaio di sterline… Ma chiunque l’ha portato via sapeva bene che significato avesse e quale fosse il suo reale valore.