Belluno: fa sesso con la fidanzatina 14enne del figlio. Condannato un 40enne

La storia risale all’agosto del 2010, ma solo oggi è arrivata la sentenza con rito abbreviato per l’uomo, un quarantenne originario di Feltre, cittadina in provincia di Belluno, che aveva intrecciato una storia d’amore e di sesso con la fidanzatina del figlio di soli 14 anni.

Amore clandestino di un uomo per un’adolescente – Sappiamo che spesso si dice che ‘l’amore non ha età’, ma la vicenda è di sicuro destinata a far discutere molto: il quarantenne di Feltre, infatti, aveva regolari rapporti intimi con la fidanzata del figlio, un’adolescente di soli 14 anni. I due avevano intrecciato una relazione clandestina scoperta solo dopo alcuni mesi dalla madre della ragazza che, insospettita da alcuni atteggiamenti della figlia, ha sequestrato il suo cellulare ed ha letto alcuni messaggi che la quattordicenne aveva scambiato con l’uomo.

Scoperti a causa degli sms – “L’altra sera è stato bello”, scriveva in alcuni messaggi la ragazzina, e l’uomo di quarant’anni di Feltre (Belluno), le rispondeva: “E che non abbiamo dato il cento per cento”. Questi erano i messaggi clandestini e spinti che i due amanti si scambiavano e che sono stati scoperti dalla madre dell’adolescente. La quattordicenne subito ha negato il fatto ai genitori, per poi cedere davanti all’assistente sociale. Lei si è detta consenziente, ma il quarantenne è stato prima denunciato e ora condannato dopo il processo con rito abbreviato. La loro storia sarebbe nata una sera dopo che l’uomo ha riaccompagnato a casa in macchina la ragazzina. Proprio l’uomo avrebbe fatto intendere alla fidanzatina del figlio le sue intenzioni e la teenager ci sarebbe cascata.

Condannato a risarcire la ragazzina e la famiglia – I fatti risalgono al 2010. L’uomo era divorziato all’epoca e, mentre accompagnava a casa la ragazzina, le confessò i suoi propositi. Lei non si tirò indietro, ma il fatto che il 40enne fosse, in quel momento, tutore della teenager ha aggravato la posizione dell’uomo. Per questo, oltre alle spese processuali, l’uomo dovrà sborsare 120mila euro: 80mila alla ragazzina, 40mila alla famiglia.