Del Piero sul futuro: “Potrei allenare”

Intervista al Corriere della Sera per Alessandro Del Piero, indimenticato attaccante della Juventus che, al maggiore quotidiano del nostro paese, rivela le sue intenzioni future: “Ho sempre pensato che, una volta smesso, avrei preso le distanze dal calcio: sono quasi 40 anni che gioco… Però mi rendo conto che il legame con questo sport è viscerale. Non sono più disposto a giurare che non farò mai l’allenatore: magari qui a Sydney, dove tutto è così diverso“. A proposito di allenatori, Del Piero ha chiaro chi l’ha aiutato di più a crescere: “C’è Lippi, con cui ho avuto una storia di 7 anni. E poi gli altri, per periodi più brevi. Ho cercato di prendere il meglio di ciascuno“.

Zero polemiche – Con lo stile a cui ci ha sempre abituato, Pinturicchio non ha nessun risentimento verso l’attuale dirigenza bianconera, che ha reso un po’ più amaro l’addio ai colori di una vita: “Sono felice di tutto quello che ho fatto, zero rimpianti. Le decisioni vanno anche rispettate. E poi conta il presente, non il passato. L’ultimo anno a Torino è stato tosto, il clima australiano mi ha reso più libero. Quello che è successo nella mia ultima partita in bianconero è uscito da tutte le regole del calcio, mi ha toccato nel profondo“. Un Del Piero che appare pienamente soddisfatto della scelta fatta e dell’avventura intrapresa, per sè stesso e per la sua famiglia. Un campione, ovunque.