Roma, Sabatini deluso: “Rosa competitiva e sottoscritta da Zeman”

La Roma non va, Walter Sabatini non può essere felice: “Sarebbe eccessivo dire che siamo soddisfatti dei risultati“. Già, decisamente eccessivo. Settimo posto in classifica, 14 punti di distacco dalla vetta, quattro sconfitte dopo appena dieci giornate di campionato: numeri impietosi, che lasciano l’amaro in bocca a chi quest’estate ha costruito la squadra. Il direttore sportivo giallorosso non si nasconde, ma ci tiene a mettere i puntini sulle i: “La rosa della Roma è competitiva ed è stata sottoscritta dall’allenatore – le parole di Sabatini a Roma Channel -. Non c’è stato un solo giocatore che non sia stato condiviso con Baldini, con Zeman o con la società generale. E dal punto di vista tecnico questi giocatori sono adatti: possono giocare tutti nel 4-3-3“.

Fiducia all’allenatore – Deciso come al solito, il ds giallorosso ci tiene a ribadire la fiducia nell’allenatore boemo. A chi fa il nome di Delio Rossi, Sabatini risponde: “Non sarà l’allenatore della Roma. Non perché non sia un bravo tecnico, ma per le sue caratteristiche generali“. Eppure le scelte del tecnico boemo lasciano perplessi: perché, ad esempio, concedere così poco spazio a Mattia Destro? “Sta pagando una coincidenza: quelli che giocano adesso stanno facendo molto bene – spiega il dirigente della Roma -. Quando sento dire che la Roma ha sbagliato a prenderlo, inorridisco“. Discorso simile su Miralem Pjanic, a sua volta utilizzato con il contagocce: “Sconta le scelte che sta facendo l’allenatore, ma non c’è alcun dubbio sul suo valore“.