Romney tuona: Obama ridurrà l’America come l’Italia

Se non fai il bravo arriva il lupo e ti porta via.” Oppure: “Se voti Obama finisci come quei pezzenti degli italiani.” Così Mit Romney, miliardario mormone a stelle e strisce che, tra 5 giorni, si giocherà alle urne la presidenza degli Stati Uniti d’America, sta tentando davvero di usare tutte le carte del suo “fantasioso” mazzo allo scopo di sotterrare la credibilità del Presidente in carica: Barak Obama. E cosa meglio dello spauracchio di finire come l’Italia? Non è chiaro, però, come la politica di Obama si leghi a quella della nostra penisola ormai stremata e logorata, simbolo del malaffare in tutto il mondo.

Tuona il predicatore: “Barak Obama? La sua politica ci ridurrà come Italia e Spagna” asserisce convinto Mitt Romney che sottolinea, durante un comizio in Virginia “Se siete un imprenditore e state pensando di avviare un’attivita’ dovete chiedervi: e’ l’America sulla strada della Grecia? Siamo sulla strada di una crisi economica come quelle che stiamo vedendo in Europa, in Italia e Spagna? Se continuiamo a spendere 1.000 miliardi di dollari in piu’ di quanto entri, l’America di fatto si trovera’ su questa strada“. Nel frattempo Obama ha raccolto molti consensi per le modalità con le quali ha gestito l’emergenza Sandy: 8 americani su 10 sono soddisfatti del suo operato. Forse una profezia minacciosa non è la giusta strategia, ma Romney pare convinto, non resta che attendere 5 giorni.