Conferenza stampa per Allegri, che domani sera si troverà ad affrontare la sfida di Champions League contro il Malaga. Milan che ci arriva dopo la bella vittoria per 5-1 col Chievo, ma il tecnico rossonero parla di come questa squadra sia ancora un cantiere aperto: “Questa squadra ha una buona base per tornare ad essere competitivo sin dal prossimo anno, il percorso è lungo ma i giovani sono validi e anche i più “vecchi” hanno 27-28 anni. Le squadre non si costruiscono in due mesi. Il Presidente e Galliani hanno vinto tutto, andando a prendere i giocatori migliori che c’erano nel mondo. Quest’anno siamo ripartiti da zero, giustamente, per il rispetto del Paese e per i conti del Milan. Siamo ripartiti dai giovani, dimostrando che i giocatori buoni ci sono anche in Italia. Noi abbiamo El Shaarawy e De Sciglio“.

Malaga – Rispetto al match di domani, decisivo ai fini del passaggio del turno, il tecnico rossonero ha dichiarato: “Per vincere il girone potrebbero non bastare tre vittorie, ora pensiamo alla qualificazione ma con una vittoria domani la classifica potrebbe rimettersi a posto“. Massima attenzione quindi: “Non mi fido del Malaga, anche se ha perso con il Rayo Vallecano: non possono aver perso certe qualità in una settimana, per di più giocare a San Siro aiuta a trovare stimoli“. Infine qualche indicazione sull‘undici titolare: “A sinistra ci sarà Constant, a destra ci sarà Abate, in mezzo dovrò scegliere i centrali e in mezzo al campo chi affiancare a Montolivo tra De Jong e Ambrosini. Anche in attacco, i soliti dubbi per quei due-tre ruoli“.