Primarie, Bersani: Aspettiamoci una grande affluenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:53

C’è tanta gente che partecipa alle manifestazioni delle primarie: più che per le elezioni politiche. Abbiamo fatto bene a farle. Ci ho preso. Potrebbero partecipare anche 2 o 3 milioni di elettori“. E’ questa la previsione sull’affluenza alle prossime primarie del segretario del Pd Pierluigi Bersani, che inoltre ricorda: “Io fino al prossimo congresso faccio il segretario del Pd in ogni caso: le primarie le ho fatte per la ditta e servono per scegliere il candidato premier, non per fare bilance o bilancini“.
Bersani chiude al possibile ritorno ad un’alleanza con l’Italia Dei Valori. Dopo l’arrivo del governo tecnico, spiega Bersani, l’Idv ha fatto una scelta “di avvicinamento a posizioni radicali e di ostilità verso il Pd”.
Parla anche di legge elettorale il segretario del Pd e assicura: “Non sono per il Porcellum non lo voglio, sono pronto a votare un compromesso. Ma gli al una proposta e non la cambiasse ogni giorno Noi pensiamo al 12,5% a chi vince; la parità di genere, una norma anti-Scilipoti; lo sbarramento al 5%. Per noi resta irrisolta la scelta dei parlamentari“.
La situazione economica del nostro paese, secondo Bersani, non è affatto rosea, anzi, rappresenta ancora un grave problema che richiederà molto lavoro: “Io critico alcune scelte di questo governo, mentre ribadisco lealtà all’esecutivo. Ma abbiamo una situazione molto, molto pesante. Siamo il solo Paese che si è vincolato al pareggio di bilancio. E siamo il Paese, dopo la Grecia, che ha la recessione più profonda. È un problema serissimo”.

Matteo Oliviero