Skyfall parla Daniel Craig: Bond è un assassino tormentato, troppo elegante per corteggiare Kate Middelton

Skyfall, il nuovo film di James Bond diretto dal regista inglese Sam Mendes, ha incassato 700 mila euro all’uscita in Italia e 100 milioni di dollari in 4 giorni nel resto del Mondo. L’appeal sul pubblico, anche intellettuale, Craig viene riscoperto come sex symbol e maschio Alfa, con le sue vulnerabilità e debolezze umane, è in costante crescita. Daniel Craig si concede ai microfoni dell’inviata del Tg5 Anna Praderio per la rubrica “Note di Cinema”, in onda su Iris, lunedì 5 novembre, alle ore 17.00.

A Sean Connery – dichiara Craig – “dico “grazie” per avere inaugurato in maniera formidabile questa serie, che continua ancora oggi ed è arrivata sino a me: Connery resta un mito. Skyfall” contiene molti omaggi a tutti i vecchi classici film della serie, ‘citati’ con sguardo moderno. L’ultimo Bond unisce tradizione e modernità“. A proposito di questo Bond, meno super eroe e più vulnerabile e umano, l’attore racconta: “Penso di essere fedele allo spirito dei romanzi di Fleming, che non voleva fare di 007 un personaggio irreale, ma autentico. Certo… Bond uccide, non si può negare l’evidenza, ma è anche un personaggio tormentato, con i suoi conflitti interiori.

Come ignorare il lancio straordinario del film, avvenuto nel luglio scorso, con la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Londra in cui Daniel Craig, nel ruolo di 007, è andato in missione dalla Regina Elisabetta, a Buckingham Palace (e poi si è lanciato con il paracadute sul parco olimpico con una controfigura sosia di sua Maestà). “Tutti mi chiedono del mio duetto con la Regina Elisabetta. E’ stato divertente e surreale: la Regina è stata gentilissima: è andata subito bene al primo ciak… un’attrice dai tempi perfetti.” E se, secondo un sito britannico, la nuora della Regina, Kate Middleton, sarebbe la donna ideale per James Bond, Craig sorridendo conclude: “La Duchessa di Cambridge è già sposata con il Principe William: James Bond è troppo a modo, non si permetterebbe mai di corteggiarla.