Roma, striscione dei tifosi: “De Rossi non si tocca!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:41

Ennesimo capitolo del caso De Rossi, la cui permanenza alla Roma appare sempre più improbabile. A metterci la firma questa volta sono i tifosi, a cui è bastata una riga su uno striscone per far comprendere il proprio pensiero: “Baldini, Sabatini, Zeman: DDR non si tocca!”. Un capitolo molto breve, in effetti, ma quanto mai incisivo. I sostenitori giallorossi si sono schierati chiaramente col centrocampista, da tutti incoronato come capitano del futuro: da tutti, meno che dalla stessa società. Nell’ottica dell tifoseria, pesano ovviamente moltissimo i risultati altalenanti frutto di una combinazione di tanti elementi: in primis, una campagna acquisti non programmata a dovere e che ha portato una rosa con evidenti lacune soprattutto nel reparto difensivo.

Allenatore – Strettamente legato a quanto appena detto, c’è il discorso riguardante la scelta di assegnare la panchina a Zdenek Zeman: un tecnico particolare, con un’idea di calcio particolare ed allenamenti molto pesanti, che evidentemente non sono andati giù a molti, tra cui anche Capitan Futuro. Il tecnico boemo gli ha preferito, nell’ordine, tutti gli altri centrocampisti a disposizione, ma è difficile pensare che un Bradley od un Tachtsidis possano incidere più di un De Rossi. Qui entrano in gioco le responsabilità di Zeman, che non è riuscito, o non ha voluto, comprendere le esigenze di uno degli uomini simbolo della Roma di questi anni.

Esperienza – “Se De Rossi lascerà la Roma? Credo di sì, sta lanciando segnali importanti tramite il suo comportamento di sofferenza ma non temo che le colpe siano solo di Zeman“, così ha dichiarato Carlo Mazzone, uno che di giallorosso se ne intende, a TMW. L’ex tecnico giallorosso nella sua lunga esperienza in Serie A ne ha viste di ogni e ha la necessaria esperienza per comprendere queste situazioni. Una cosa è certa: se la dirigenza decidesse di cederlo, dovrebbe farlo quanto prima. De Rossi è ancora abbastanza giovane da avere grande mercato, ma continuando a vedere il campo col contagocce la sua valutazione calerebbe vistosamente. Siccome il rapporto con l’allenatore è difficilmente recuperabile, la conclusione è davanti agli occhi di tutti. A meno che non si decida di allontanare Zeman, ma quella sarebbe un’altra storia.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!