Flamengo, addio Adriano: l’imperatore abdica

Sembra non avere fine la parabola discendente di Adriano Leite Ribeiro, conosciuto meglio col solo nome di Adriano, attaccante brasiliano che ha conquistato grandi palcoscenici vestendo la maglia dell’Inter. L’ultima avventura, quella col Flamengo, ha avuto fine proprio in questi giorni, col ds del club, Zinho, che ha annunciato la separazione. Questa volta pare però che la scelta sia reciproca, con l’attaccante che ha deciso di prendersi un anno sabbatico: “Ma io non sono matto. Me ne sono andato per non creare problemi al gruppo. Quest’anno non avrei mai potuto giocare come so fare. Nel 2013 spero di avere un’altra chance e di tornare qui. Ma ora e’ stato meglio cosi’, ho deciso con la mia famiglia”.

Contratto – Flamengo, Inter, Parma, Fiorentina, San Paolo, Roma, Corinthians e di nuovo Flamengo: questa la lista delle squadra in cui ha militato Adriano, decisamente lunga se si pensa che ha compiuto 30 anni quest’anno. Purtroppo, la professionalità non è mai stata uno dei suoi punti di forza, con squadre come la Roma e il Corinthians che prima gli hanno dato fiducia sperando di recuperarlo, poi si sono dovute arrendere ai continui problemi causati dal giocatore. Il Flamengo, ultima squadra che lo accolto, gli fece firmare un contratto che prevedeva circa 20 mila euro per ogni partita giocata. Manco a dirlo, l’Imperatore non è mai sceso in campo e non vedrà un soldo. In molti hanno ancora negli occhi il grande goal che fece nel suo esordio nerazzurro contro il Real Madrid, ma quel tempo non è mai apparso così lontano: si può proprio dire che l’Imperatore, lasciando il Flamengo, abbia definitivamente abdicato.