“Fantasy Slut League” ovvero il “fantacalcio del sesso” californiano

Si chiama “Fantasy Slut League” e può essere definito, volendo usare un eufemismo, come il “fantacalcio del sesso” e non è applicato agli assi del pallone ma alla scuola. Tutto questo accade in California in una delle scuole superiori più note e prestigiose dell’intera contea, sollevando un polverone nei media di tutto il Paese.

Le regole- Un ulteriore  sguardo ad un’altra forma insensibile ed indifferente nella quale può essere declinata la misoginia nei tempi moderni di internet.  Le regole sono piuttosto semplici: gli studenti maschi danno i voti alle loro compagne. Non si tratta di giudizi sulle materie di studio e nemmeno di una gara di ‘pura bellezza’. Danno i voti, semplicemente, alle “prestazioni” a letto delle studentesse che frequentano la scuola con loro. Questo esercizio anti-femminista continua a conquistarsi,  suo malgrado, i titoli principali delle testate statunitensi. Eppure i media, in generale, ignorano in larga scala  come questa forma di vanteria sessuale da spaccone sia molto più comune di quanto si pensi.   

Oltre il giudizio le prove– Ma il giudizio non bastava, perché poteva essere soggetto ai pareri distinti di ciascuno. Quindi,  per avere le ‘prove’ tangibili, gli studenti filmavano gli incontri piccanti per poi convalidare e confermare oppure smentire in modo categorico, il proprio voto. Questa gara era in vigore da almeno 5 anni e ora che è stata scoperta ha sollevato polveroni sulla scuola californiana.