Inter, twitter vietato per Sneijder: l’olandese si infuria

Wesley Sneijder dice addio ai suoi fan. No, non stiamo parlando (almeno per il momento) dei tifosi dell’Inter, ma di quelli che seguono personalmente l’olandese: quelli che in gergo vengono chiamati follower, e che da oggi non riceveranno più aggiornamenti su Twitter. L’Inter, infatti, ha disposto che Sneijder non “cinguetti” più, come ha raccontato la splendida modella Yolanthe Cabau: “Forza ragazzi…! Mio marito non può scrivere più su Twitter, scelta della società. Strano“, ha twittato ieri sera la moglie del talento di Utrecht. Strano, in effetti: perché privare un giocatore della possibilità di comunicare alla gente i propri stati d’animo, le proprie sensazioni, la quotidianità della propria vita privata? La risposta è più semplice di quanto si possa immaginare.

Il volo negli States – Sneijder non si limitava a rendere pubblico il proprio mondo, ma andava oltre, rivelando qualche piccolo segreto di quello nerazzurro. E su questo, la società di corso Vittorio Emanuele (come tutte le altre, del resto) è assolutamente intransigente: vietato, anzi vietatissimo comunicare questioni relative alla squadra. In particolare, l’Inter non ha gradito un cinguettio pubblicato all’indomani dell’infortunio di Verona, quando l’olandese rivelò al mondo di essere in procinto di volare in California per curarsi dal problema muscolare alla coscia sinistra. Poche righe, quelle dell’olandese, che gettavano più di un’ombra sulle qualità del settore medico nerazzurro: perché volare in America invece di restare ad Appiano Gentile?

Rientro vicino -“Solo lui non può scrivere. Io sono triste perché lui dà sempre il massimo per la squadra con tutto il cuore“, ha aggiunto Yolanthe ieri sera. Ma la modella olandese non è l’unica a non aver gradito la censura dell’Inter: anche il marito, infatti, è assolutamente contrariato dall’atteggiamento del club nerazzurro, atteggiamento che considera inspiegabile. Sneijder teme che alla base di questa intransigenza ci sia l’intenzione di metterlo ai margini della squadra: proprio dalla partita contro il Chievo, infatti, è nata l’incredibile striscia di 10 vittorie consecutive, e ora reinserirlo negli undici titolari rischia di diventare operazione delicata. Il suo rientro, sempre più vicino, si potrebbe rivelare un problema più che una soluzione: che Stramaccioni abbia chiesto aiuto ai piani alti per risolverlo?