Esclusiva a Domenica Live: gli appelli di Ombretta Giglione

Nella puntata di oggi di Domenica Live, il contenitore domenicale di Canale 5, condotto da Barbara D’Urso e in onda dalle 14 alle 19, la conduttrice ha intervistato, in esclusiva, Ombretta Giglione. La mamma del piccolo di Cittadella sul finale del tempo a lei a disposizione, dopo aver rilasciato pesanti dichiarazioni e aver lanciato, insieme ad Alessandra Mussolini, forti accuse ad una donna in particolare, facendone nome e cognome, ha fatto due appelli molto forti: uno al Ministro della Sanità e l’altro al padre del bimbo nonché suo ex marito con cui dice di aver avuto una separazione consensuale.

Il primo appello di Ombretta. Con una conduttrice esterrefatta dalla dichiarazioni della mamma, e dalle esternazioni di Alessandra Mussolini, pronta a ribadire sempre di voler offrire spazio alle parte in causa per poter controbattere e raccontare la loro verità, Ombretta, dopo aver raccontato situazioni assurde in cui si è ritrovata pur di poter vedere suo figlio Leonardo, che ora vive in una casa famiglia, ha lanciato il suo primo appello. La donna ha, infatti, detto: “Chiedo al ministro della sanità, Balduzzi, di annullare le perizie del consulente tecnico d’Ufficio che ha diagnosticato a mio figlio Leonardo la Pas permettendo a mio marito di sottrarmelo” aggiungendo, per spiegare: “Ho avuto con mio marito una separazione consensuale. Il problema è stato quando Leonardo ha cominciato a rifiutarsi di incontrare il padre. Dopo il ricorso di quest’ultimo sono state attivati due ‘Ctu’ con conseguente relazione di un consulente tecnico d’ufficio, Rubens De Nicola, che ha diagnosticato a mio figlio la Pas (Sindrome Alienante Parentale)” ma soprattutto sottolineando, per supportare il suo appello, come “lo stesso consulente ha ammesso che la Pas non esiste”.

Secondo appello all’ex marito. La signora Giglione ha poi lanciato un appello all’ex marito per pregarlo di risolvere il problema della scuola del figlio. A quanto ha raccontato, infatti, gli assistenti cercano di impedire che il figlio riviva il suo passato impendendo, tra le altre cose, anche che quest’ultimo possa quindi parlare con la nonna, mangiare la torta che quest’ultima gli invia. La mamma ha voluto quindi dire al padre di Leonardo che: “Sono contenta che tu veda il bambino tutti i giorni, ma facciamolo insieme. So che e tu decidi sulla scuola che dovrà frequentare. Mandalo alla sua scuola che desidera frequentare e te ne sarà grato”. Nonostante tutto però i discorsi non sono stati palesati nella loro interezza tanto che, sempre all’interno della campagna di sensibilizzazione riguardo il problema dei figli contesi, che la conduttrice porta avanti in prima persona, l’intervista continuerà durante Pomeriggio Cinque, permettendo alle parti chiamate in causa diritto di replica.