Esodati, tutto da rifare. Ragioneria di Stato: Manca la copertura

La copertura è carente”. La Ragioneria di Stato fa notare al governo che, dopo l’ultimo emendamento alla legge di stabilità, la copertura finanziaria è divenuta insufficiente. Quindi strada in salita e tutto da rifare, il nodo esodati non può essere ancora sciolto.
Il cardine principale che ha fatto saltare la copertura è un emendamento presentato dai partiti in Commissione che ha esteso la categoria di lavoratori da salvaguardare anche a coloro che sono stati “licenziati entro il 31 dicembre 2011 e che maturino il diritto a pensione sulla base delle previgenti regole entro i successivi 24 mesi”.
Le risorse da utilizzare deriverebbero da un meccanismo di auto copertura, cioè dall’utilizzo di risorse già stanziate. L’emendamento, inoltre, prevede che a settembre, qualora non si siano trovate le risorse sufficienti, si arrivi a rivedere ”l’indice di rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici di importo più elevato”.
Il governo invece, per creare una copertura vera e propria e non solo una salvaguardia, come indica l’emendamento, potrebbe intervenire con un sub-emendamento.