Lazio, Tar: Voto entro cinque giorni. Ma la Polverini ricorre al Consiglio di Stato

Ancora in dubbio la data delle elezioni regionali in Lazio. Il Tar ha chiesto alla Polverini di decidere una data possibile entro cinque giorni e indica quindi le elezioni.
In caso contrario potrebbe intervenire il Viminale nominando un commissario che si occupi di portare la regione al voto.  
La Polverini non ci sta e annuncia il ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar: “Una decisione risulta in totale contraddizione con le recenti pronunce della medesima sezione del Tar del Lazio con riferimento alle elezioni regionali del 2010“, si legge in una nota diffusa dalla Regione.
Come presidente della Regione Lazio devo rispettare l’Istituzione che è regolata da uno Statuto. Resta la mia volontà  di assecondare un indirizzo del Governo per unificare la data del voto a quella delle altre regioni e di ridurre a cinquanta il numero dei consiglieri“, è invece il commento di Renata Polverini.
Naturalmente leggeremo con attenzione come il Tar del Lazio ha oggi modificato, e perché, questo suo pur recente orientamento e poi faremo certamente appello al Consiglio di Stato per sostenere le nostre ragioni nel rispetto della legge, come sempre“.

Matteo Oliviero