Profezia Maya 2012: a Bugarach stato di emergenza (2°parte)

Conto alla rovescia per l’annunciata Apocalisse, secondo la profezia dei Maya per il 21 dicembre prossimo! E a Bugurach, un paesino francese abbarbicato sui Pirenei si sta vivendo in uno stato di emergenza. Infatti secondo le ultime indiscrezioni sarebbe l’unico luogo al mondo che si dovrebbe salvare.

Le parole al sindaco e prefetto– Dal canto suo Jean-Pierre Delord, sindaco del piccolo borgo di appena 200 anime, ai piedi del maestoso picco, ha lanciato un appello angosciato di cui si fanno portavoce alcuni media transalpini e che consiste in una semplice richiesta: cioè di non andare là il 21 dicembre! In ogni modo, le autorità locali cercano di frenare e sconsigliare le folle. Eric Freysselinard, il prefetto della regione dell’Aude, ha scalato perfino, in prima persona, il picco e dopo due ore di ripida ascesa ha commentato che il sito, di certo, è magico  ma solo per la bellezza paesaggistica e aggiungendo che già ora, a novembre, il sentiero è impraticabile. Quindi è inimmaginabile che il 21  dicembre prossimo, Bugarach con tanto di neve e ghiaccio, sia il luogo ideale per ritrovarsi! Il sindaco sta prendendo tutte le precauzioni possibili ed immaginabili: i servizi di sicurezza saranno triplicati e le vie di accesso al monte, naturalmente, saranno chiuse.

Bugarach ombelico del mondo- I segnali di un arrivo in massa di pellegrini a Bugarach, ci sono proprio tutti! All’ingresso di uno dei sentieri, una macchinetta conta-persone, intenti a salire  fino alla cima, ha registrato il doppio di visitatori in un anno e le troupe televisive si susseguono in continuazione. Da tempo, francesi e stranieri hanno affittato una casa nel comune e sono molti i voli prenotati dall’America per la fine dell’anno. Il sindaco ha dovuto persino far causa ad un sito internet che vendeva, con tanto di certificato, presunte ‘pietre dell’eternita’ raccolte a Bugarach e dagli effetti misteriosamente benefici.