Festival del Cinema di Roma, trionfa Marfa Girl: vincitori e polemiche

In una sala gremita di pubblico ed addetti ai lavori, tra fischi e applausi, dopo 9 giorni fitti di proiezioni e incontri, sono stati annunciati i vincitori del Festival Internazionale del Cinema di Roma 2012. A vincere il Marc’Aurelio D’oro Marfa Girl di Larry Clark, qui la nostra recensione . Come accade spesso sono state molte le perplessità circa i film ritenuti meritevoli di essere premiati; una vera e propria pioggia di fischi si è accanita, in particolar modo, su “E la chiamano estate” che ha sbancato sia come miglior regia, Paolo Franchi, che come miglior interprete femminile, Isabella Ferrari. I presenti in sala hanno mostrato, ampiamente, il proprio dissenso.

Il giurato P.J. Hogan si è fatto portavoce di tutta la giuria giustificando così le scelte effettuate: “E’ stata una scelta difficile per noi, eravamo divisi come lo è stato il pubblico. Molti di noi si sono arrabbiati, come vi siete arrabbiati voi. Ma è una regia coraggiosa, senza compromessi nella sua visione, e il film non lascia indifferenti. Nel bene o nel male, ha ottenuto l’obiettivo di far parlare di sé, di essere odiato o amato. E a fine proiezione molti sono scattati in piedi per applaudire.”

Gli altri film più premiati sono stati: “Alì ha gli occhi azzurri” di Claudio Giovannesi e “The Motel Life”, dei fratelli Polsky. A seguire gli altri premi:  Premio per la migliore interpretazione maschile – Jeremie Elkaim per “Main dans la main”. Premio per la migliore interpretazione femminile – Isabella Ferrari per “E la chiamano estate”. Premio giovane attore o attrice emergente – Marilyne Fontaine per “Un enfant de toi”. Premio per il migliore contributo tecnico – Arnau Valls Colomer per “Mai Morire”. Premio per la migliore sceneggiatura – The Motel Life dei fratelli Polsky. Premio BNL del pubblico – The Motel Life dei fratelli Polsky. Premio CinemaXXI (riservato ai lungometraggi) – “Avanti Popolo” di Michael Wahrmann. Premio Speciale della Giuria – CinemaXXI (riservato ai lungometraggi) – “Picas” di Laila Pakalnina. Premio CinemaXXI Cortometraggi e Mediometraggi – “Pahinida” di Ana-Felicia Scutelnicu. Premio Prospettive per il Miglior Lungometraggio – “Cosimo e Nicole” di Francesco Amato. Premio Prospettive per il Migliore Documentario – “Pezzi” di Luca Ferrari.  Premio Prospettive per il Migliore Cortometraggio – “Il gatto del Maine” di Antonello Schioppa.