Lorena Cacciatore presenta su NN “L’amore è imperfetto”, al cinema dal 29 novembre

Esce il 29 novembre “L’amore è imperfetto”, il film diretto da Francesca Muci ed interpretato, tra gli altri, da Lorena Cacciatore, Giulio Berruti, Anna Foglietta, Camilla Filippi e Bruno Wolkowitch. Noi di NewNotizie abbiamo intervistato Lorena Cacciatore, che ci ha parlato del film e ci ha rivelato che, proprio come rivelano alcuni rumors sul film, la pellicola contiene molte scene erotiche, siccome racconta l’amore in tutte le sue sfaccettature.

Il 29 novembre esce al cinema il film “L’amore è imperfetto”. Che ruolo hai in questa pellicola? Interpreto Adriana, una sfrontata e al contempo fragile ragazza, che, dopo un movimentato incontro con Elena, darà il via ad un vero e proprio stalking con un bollente e sensuale epilogo.

 Alcuni rumors descrivono “L’amore è imperfetto” come un film pieno di scene bollenti. La pellicola è veramente al alto tasso erotico oppure i rumors esagerano? Beh se si legge l’omonimo romanzo di Francesca Muci, da cui è stato tratto il film, si capisce già dalle prime pagine che la tensione erotica e sensuale che si crea, a volte anche casualmente, tra la protagonista e i personaggi che ruotano attorno a lei, è molto forte. Premesso ciò, è un film che per l’appunto parla d’amore e l’amore è si stabilità, tenerezza e progettualità, ma anche sesso, ossessione, ambiguità, follia. Non è un film ipocrita, non è un film scabroso, non è un film tradizionale. I rumors attorno al film non esagerano. Ciò che ovviamente salta all’occhio sono le scene di sesso descritte però con molta eleganza senza nessuna volgarità. Ma è principalmente una storia (in cui al suo interno si articolano più storie) d’amore che si vuol raccontare, non l’amore brillante e pastellato delle favole, ma quello multicolor sgargiante o total black con cuciture e strappi della vita reale.

Oltre che al cinema prossimamente ti rivedremo anche in televisione nei panni di Sofia Da Varano nella fiction “Rosso San Valentino”. La trama della serie tv di RaiUno ruota intorno alle vicende della facoltosa famiglia dei Danieli. Ci spieghi invece a cosa rimanda il titolo? Rosso San Valentino è il profumo che anni prima aveva lanciato sul mercato l’azienda Danieli, e che il presidente di questa, Guido, aveva dedicato alla moglie proprio il giorno di San Valentino, diventando una delle punte di diamante dell’azienda fino ad un tragico incidente che porterà alla chiusura della produzione di questo fino all’arrivo di Laura Argenti. Io interpreto Sofia, promessa sposa di Giovanni Danieli e antagonista affettiva di Laura. Una giovane e brillante donna che per anni sogna di andare all’altare con il suo principe azzurro. Ed ecco che anche qui, come per il film “L’amore è imperfetto”, la vita ti dà uno schiaffone talmente tanto forte da far crollare il mito disneyano: non c’è nessun principe a darti il bacio del risveglio, dalla bara di cristallo devi uscirci con le tue gambe se vuoi mangiare e non essere mangiata dalla vita! E attraverso le sue illusioni e i suoi risvegli, i suoi sbagli e le sue lacrime Sofia crescerà e sarà migliore di prima

Molti fans ti ricordano per il tuo ruolo in “Agrodolce”. Cosa ti è rimasto di questa esperienza lavorativa? Mi è rimasto tanto. Agrodolce è stato il mio esordio, determinante perché dopo la chiusura della prima serie ho deciso di continuare a studiare trasferendomi a Roma ed entrando alla Silvio D’Amico. Porterò sempre un ricordo bellissimo di Agrodolce, nonostante il suo triste ed inspiegabile, a distanza di tre anni dalla chiusura della seconda serie, epilogo.

A cura di Laura Errico