Australia: bimba di 7 anni divorata da un coccodrillo

La tragedia è avvenuta in Australia, dove sono stati ritrovati i resti di una bambina di soli sette anni che sarebbe stata divorata brutalmente da un coccodrillo. Secondo le prime ricostruzioni dei fatti, la piccola sarebbe stata trascinata sott’acqua dal grosso rettile, lungo più di 2,5 metri, mentre stava nuotando con tutta la famiglia ed altri bambini in un laghetto. La tragedia è avvenuta a Gumarrirnbang, località a 350 chilometri a est da Darwin, nel Territorio del Nord dell’Australia.

Bimba divorata da alligatore – La polizia è stata allertata quando i genitori si sono accorti che la piccola era scomparsa nel lago. Testimoni oculari hanno riferito che un coccodrillo aveva trascinato la piccola di soli sette anni dentro l’acqua, in profondità. L’animale, lungo all’incirca tre metri, è stato poi ucciso e parzialmente sezionato. I poliziotti hanno trovato quelli che sembrano resti umani dentro lo stomaco del grande rettile, che sono stati portati nella città di Darwin per i necessari test per l’identificazione, che richiederanno del tempo.

Coccodrilli e uomini a stretto contatto – Il tragico caso della bambina di sette anni brutalmente divorata da un coccodrillo ha messo in moto, nuovamente, gli appelli che oramai da molto tempo gli esperti stanno divulgando sul pericolo che gli esseri umani corrono stando a stretto contatto con questo tipo di animali. La popolazione di coccodrilli di acqua salata, infatti, è la specie più grande e pericolosa, in tutto il nord dell’Australia, e il suo numero è aumentato di 20 volte e la loro biomassa media di 100 volte da quando, alla fine degli anni ’70, sono iniziati gli sforzi degli esperti per la conservazione della loro specie. Questo ha portato questo tipo di animali a contatto sempre più vicino con gli esseri umani. Molti esperti, dopo che si sono verificati più episodi come quello della piccola australiana di sette anni divorata da un coccodrillo, ritengono sia tempo di avviare un piano di gestione che non consideri più gli arcipredatori come specie a rischio e protetta.