Messico, riemerge il presunto ufo dal vulcano Popocatepetl

Alla fine di ottobre il caso del presunto Ufo tuffatosi nel vulcano Popocatepetl, in Messico, aveva scatenato la curiosità di molti e lo scetticismo della comunità scientifica. Nel video registrato dall’emittente tv messicana “Televisa” era possibile osservare un oggetto luminoso, dalla forma cilindrica, tuffarsi ad una velocità elevata nel cratere del Popocatepetl. A distanza di 17 giorni dall’accaduto, pare che quell’oggetto misterioso, o non si sa cosa, sia riemerso dal vulcano tornando nello stesso cielo dal quale è caduto. Il CENAPRED, Centro Nacional de Prevencion e Desastres Messicano, ha considerato “autentiche” le immagini riprese all’alba del 15 novembre dalle webcam che monitorano l’attività del vulcano. In esse è stato osservato un oggetto luminoso, simile per forza e velocità di movimento a quello del 29 ottobre, uscire dal cratere del vulcano messicano.

Come trattato nell’articolo precedente, tante le ipotesi sull’identità dell’oggetto luminoso. Per alcuni potrebbe trattarsi di un effetto ingannevole del video, per altri di un oggetto non identificabile. Margarita Rosado, dell’Università Nazionale Autonoma del Messico e membro della International Astronomical Union, sostiene che non si tratterebbe né di un meteorite, né di materiale incandescente espulso dal vulcano e poi precipitato in caduta libera. Di fatto il vulcano Popocatepetl non sarebbe nuovo a questi misteriosi fenomeni misteriosi, già manifestati nell’aprile del 2012.