Monti agli investitori stranieri: Non posso garantire nulla per il futuro

Mario Monti ha incontrato il primo ministro del Kuwait Sheikh Laber al Mubarak al Sabah, e rispondendo ai giornalisti ha ammesso di non aver potuto offrire garanzie per il futuro del nostro paese: “L’Italia è sulla strada giusta e proficua, è tornata affidabile ed è un’ottima opportunità per gli investitori stranieri grazie anche al fatto che una volta tornata la crescita, correrà più degli altri. Ma la fotografia è ad oggi. Non posso garantire per il futuro“.
Poi l’avvertimento a chi guiderà il paese dopo le prossime elezioni: “Chi governerà deve avere come obbiettivo quello di continuare a garantire crescita, giustizia, lotta a corruzione e evasione“.
Le parole del premier non sono piaciute affatto all’opposizione, in primis Nichi Vendola, secondo cui Monti “poteva risparmiarsi questa battuta di cattivo gusto. Credo che un presidente del Consiglio non possa lanciare strali sul futuro”.
Mentre per Di Pietro quello di Monti è “un ricatto bello e buono: o rivado io al governo, o agli investitori stranieri dico che non garantisco per l’affidabilità del Paese dopo di me. Ma questa è una cosa gravissima e dimostra come da parte sua non ci sia né senso dello Stato, né rispetto per la democrazia dell’alternanza”.

Matteo Oliviero