Napoli: scippato il bodyguard di Gauck

Uno degli uomini della scorta del presidente della Repubblica federale tedesca, Joachim Gauck, in visita ufficiale a Napoli insieme a Giorgio Napolitano, ha subito lo scippo del Rolex in pieno centro città, sul lungomare Caracciolo. Il presidente non era ancora giunto nel capoluogo campano e il bodyguard non era in servizio al momento dello scippo.

Secondo una prima ricostruzione, trapelata da fonti non ufficiali, l’addetto alla sicurezza del presidente tedesco, mentre passeggiava nella zona degli alberghi sul lungomare, sarebbe stato avvicinato da un giovane, armato di una pistola giocattolo, che gli avrebbe portato via l’orologio. L’addetto alla sicurezza tedesco avrebbe raccontato l’episodio, a un collega italiano, sorridendo, poiché il Rolex sottratto non era autentico, e sembrerebbe essere questo il motivo per il quale ha deciso di non sporgere subito denuncia.

Ad aggredirlo sarebbe stata una baby gang, attiva sul lungomare nel fine settimana, proprio per colpire i turisti che alloggiano nei grandi alberghi, e probabilmente lo avevano seguito negli ultimi tratti del suo tragitto prima di arrivare in hotel, cogliendolo di sorpresa in un momento in cui il lungomare era deserto, sebbene in vista della visita del presidente tedesco fosse presidiato giorno e notte dalle forze dell’ordine. Solo nella giornata di ieri, secondo quanto trapelato, la delegazione tedesca ha deciso di denunciare la rapina, anche se con grande cautela per evitare che la notizia si diffondesse. A raccogliere in gran segreto il verbale dell’accaduto sarebbero stati direttamente alcuni poliziotti napoletani, recati nell’albergo del Presidente tedesco, per evitare imbarazzi riguardo la vicenda.