Nesquik ritirato dal mercato americano per rischio salmonella

Di sicuro ognuno di noi ha assaggiato nella sua vita quella polverina marrone, delizia dolce, che trasforma una semplice tazza di latte in una bevanda al cioccolato in un batter d’occhio. Delizia per piccini, ma, diciamoci la verità, anche per chi è più grande, il Nesquik ha segnato e continua a segnare, l’infanzia di molti. Eppure, le cose per la ‘magica polvere cioccolatosa’, cioccolato solubile, stanno per cambiare.

Pericolo salmonella con Nesquik – La multinazionale dell’alimentazione Nestlè, direttamente dalla sua filiale in America, ha dichiarato non sicuro uno dei suoi prodotti, le tre confezioni di cacao solubile Nesquik, da 255 grammi, 618 grammi e un chilo e 100 grammi in commercio da circa un mese, a causa di rischio salmonella. Stando ad indiscrezioni trapelate dalla stessa azienda, nonostante non ci siano ancora casi conclamati di infezione da salmonella associabili all’utilizzo del cioccolato solubile Nesquik, la società della Nestlè ha preferito in ogni caso ritirare il prodotto dal commercio statunitense.

I lotti ritirati dal commercio – I tre diversi lotti ritiratidal mercato statunitense sono i seguenti: confezioni di Nesquik 10.9, 21,8 e 40.7 once (28,35 gr). E’ stato allestito anche un numero verde per tutti i consumatori che potrebbero ritrovarsi tra le mani uno di questi prodotti: non bisogna consumarlo, ma restituirlo alla cassa dove si riceverà un rimborso totale. Il numero è (800) 628-7679. Resta da sottolineare il fatto che, qui in Italia, l’azienda della Nestlè ha confermato che non possono esserci rischi nel mercato italiano in quanto, il prodotto proviene da alcuni stabilimenti in Francia e in Spagna e non sono gli stessi che producono i prodotti americani.