Berlusconi in ritiro: Milan su Pato e Guardiola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:14

Il cavaliere ritorna, ma non in politica. Non per ora almeno. Silvio Berlusconi è tornato a Milanello dopo otto giorni dalla sua prima visita, otto giorni di fuoco che hanno portato il Milan al primo obiettivo stagionale: la qualificazione alle fasi finali della Champions League. La vigilia di Milan-Juve, che si terrà domani sera alle 20.45, è tuttavia calda. Dopo le dichiarazioni di Pato e le sue velate minacce, dopo il suo gol di riscatto, arriva l’ennesimo fastidio muscolare a togliergli il sorriso. E se Berlusconi ha dichiarato nei giorni passati che Pato è un problema, avviando così una sequela di ipotesi riguardo alla sua cessione o scambio, oggi il cavaliere è tornato a parlare del Papero con toni più pacati.

Il papero milanese“Pato deve essere usato con il contagocce – ha affermato il patron rossonero – Era il nostro gioiello migliore, poi ha avuto tanti, troppi incidenti”. Il giocatore, ha proseguito il presidente onorario, “deve recuperare integrità fisica e fiducia nei suoi mezzi”. Poi i soliti malpensanti, ma di quelli che a pensare male spesso ci prendono, hanno fatto la domanda che tutti avevamo sulle labbra dopo le dichiarazioni del postpartita Anderlecht-Milan: uno scambio Balotelli-Pato, giacché né l’asso di Brescia, né il papero sembrano più a loro agio nelle loro squadre? Ma la sua risposta è stata decisa. “Non mi piacciono gli scambi. Il brasiliano non è assolutamente sul mercato, deve restare qui”.

Sognando Pep – Il cavaliere si è poi dilungato ambiguamente sulla faccenda Guardiola. Nonostante la grande fiducia finora cordata a Max Allegri e il ritorno nell’Europa che conta, Berlusconi ha dichiarato che “ci sono i club inglesi che insistono, in particolare il City che ha dirigenti che lo conosco (Guardiola, ndr) molo bene. Noi saremo presenti, ma è difficile”. Com’era intuibile anche dalle dichiarazioni pre Anderlecht di Galliani, inoltre, Berlusconi ha frenato sul mercato in entrata. Il Milan si è infatti liberato di importanti zavorre e sta puntando su una squadra giovane, motivo per cui non è previsto un campione entrante che andrebbe nuovamente a pesare con un maxi ingaggio sui conti recentemente risanati della casse milaniste.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!