Siria, strage di bambini: bomba su un campo di calcio, dieci morti

Ancora spargimento di sangue per le strade della Siria dove nella giornata di ieri sono cadute due bombe a grappolo su un villaggio alle porte di Damasco, Deir al-Asafir, a 12 km dalla capitale, che hanno portato alla morte di dieci bambini, nessuno dei quali aveva più di quindici anni.

Strage di bambini alle porte di Damasco – È stata una vera e propria strage di bambini quella che si è consumata nella giornata di ieri alle porte di Damasco: i ragazzini, dieci in tutto, erano all’aperto a giocare in un campo da gioco quando i caccia hanno attaccato la zona, sganciando due bombe a grappolo che ha portato alla morte dei dieci ragazzini.

I video dei corpi dei bambini massacrati dalle bombe – Il gravissimo incidente è stato denunciato sia dall’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani che dalla Commissione Generale della Rivoluzione Siriana. Gli attivisti nelle ultime ore hanno pubblicato un video, in cui si vedono i cadaveri dei bambini con accanto le madri e i loro parenti disperati. La notizia si era diffusa ieri sera, subito dopo lo scoppio delle due bombe, dopo che i residenti di Deir al-Asafir, sobborgo di Damasco, avevano denunciato il crimine, pubblicando in rete alcuni filmati. Uno di questi video mostra lo spiazzo dove alcuni bambini erano intenti a giocare. Stando alle parole di un attivista del villaggio, secondo il quale non c’erano guerriglieri nella zona: “Loro operano all’esterno, questo è stato un bombardamento indiscriminato”.