Home Spettacolo

Quarto Grado, arrestato il marito di Mariella Cimò

0
CONDIVIDI

Tra i casi all’ordine del giorno a Quarto Grado, la scomparsa di Mariella Cimò, la donna di Catania scomparsa misteriosamente il 25 agosto 2011, sembra finalmente avere un responsabile. In questi giorni è stato infatti arrestato Salvatore di Grazia, marito della donna: l’accusa a suo carico è di omicidio e soppressione di cadavere. Nell’aprile scorso, a distanza di molti mesi dalla scomparsa di Mariella, lo stesso Salvatore raccontava così ai microfoni di Quarto Grado il rapporto con la moglie: “Con mia moglie abbiamo avuto un rapporto tale, da non poter fare a meno uno dell’altra. Abbiamo sempre fatto tutto insieme. Il mio obiettivo è ritrovare mia moglie. Sono più che innamorato di lei e, oggi, mi sento menomato”. Un matrimonio durato ben 43 anni, che secondo le indagini sarebbe stato macchiato dal tradimento di Di Grazia con un’altra donna: è stato infatti ipotizzato che la Cimò sia stata uccisa proprio dopo la scoperta della relazione extraconiugale del marito.

Abbiamo seguito questo caso sin dall’inizio, stando vicino ai familiari della donna. Confidiamo nel lavoro degli inquirenti e speriamo che si arrivi presto alla verità”- ha dichiarato Salvo Sottile, una volta appresa la notizia dell’arresto di Di Grazia. Sembra proprio che i sospetti degli inquirenti su Salvatore Di Grazia siano stati confermati da alcune dichiarazioni dello stesso al settimanale di Rete 4. Anche stavolta al seguitissimo programma di Salvo Sottile va il merito di aver collaborato alla risoluzione di un fitto mistero…