Ilva, Monti: Conciliare occupazione e rispetto per i pm. A giorni il decreto

In queste ore si sta svolgendo a Roma il vertice sull’Ilva a cui hanno partecipato il premier Mario Monti, il ministro dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente, del Lavoro e della Salute, i sindacati, i rappresentanti dell’Ilva e il presidente della Provincia di Taranto Gianni Florido. Tema del vertice ovviamente la chiusura dell’impianto di Taranto.
“Non possiamo permetterci di dare un’immagine dell’Italia dove non sia possibile conciliare la tutela dell’occupazione e il rispetto della magistratura, la tutela dell’ambiente e la produzione dell’acciaio, Per questo ha voluto sentire tutti i punti di vista e le valutazioni anche se non abbiamo ancora nessuna bozza di provvedimento”, ha ricordato il presidente del Consiglio sottolineando che il governo è vicino alla difficile situazione dell’impianto e della città intera.
In ballo, infatti, non c’è solo la città di Taranto, in quanto la chiusura dell’impianto potrebbe avere un forte impatto sull’intera produzione Italiana avvantaggiando i concorrenti. A ricordarlo oltre al premier anche il leader di Confindustria, Squinzi: “Sul caso dell’Ilva di Taranto l’Italia si gioca il futuro industriale e manifatturiero”.
Per il vertice sono giunti a Roma circa 300 operai non solo dalla Puglia ma anche da Genova e Novi Ligure che hanno attaccato la classe politica, incapace fin ora di fare risposte concrete.
A giorni potrebbe essere pronto un decreto ad hoc che dovrebbe, fanno sapere dal governo, puntare a due obiettivi, il diritto alla salute e al lavoro.
Il testo non è di facile stesura, in quanto, come ha ricordato anche il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, si rischia uno scontro tra poteri: “Se il decreto del governo è per salvare l’Ilva esautorando la magistratura, penso che sia sbagliato, si proporrebbe nei fatti un conflitto tra poteri dello Stato”.
Una volta arrivata la richiesta di dissequestro dell’impianto, la Procura di Taranto potrebbe ricorrere alla Corte Costituzionale.

Matteo Oliviero