Pompei: crolla muro di una domus

La storia architettonica e monumentale italiana é sempre più in pericolo, a causa spesso del degrado in cui alcune strutture storico artistiche versano, e a causa degli agenti atmosferici, sempre più impetuosi nella loro manifestazione, che col tempo infieriscono, giorno dopo giorno, su un patrimonio, quello italiano, di ingente valore. Nella giornata di oggi, infatti, si sono avuti altri crolli a Pompei, dove un muro di pietra grezza, nei pressi del vicolo di Modesto, è crollato completamente.

Crollo di un muro pompeiano – Un nuovo crollo all’interno degli scavi di Pompei questa mattina, ha causato un ingente danno al patrimonio culturale e artistico/architettonico italiano. Un paio di anni fa c’erano stati altri crolli all’interno di una domus romana, ma il crollo che si è avuto nella giornata di oggi ha interessato una porzione di muro romano di circa due metri cubi, in una domus nella zona regio VI.

Crollo a Pompei a causa del maltempo – La zona in cui si è avuto il crollo era già un’area chiusa, una zona inibita al pubblico, in cui i lavori di messa in sicurezza del ‘Grande progetto Pompei’ stavano per cominciare. Stando ai rapporti stilati proprio da coloro che si occupano della messa in sicurezza degli scavi pompeiani, la domus lungo il vicolo di Modesto, nella regio VI, dove appunto è avvenuto il crollo, doveva essere tra le prime aree ad essere messa in sicurezza. Così non è stato e il maltempo è stato più sollecito e veloce. È stato proprio a causa del maltempo di questi giorni, del forte vento e delle copiose precipitazioni che si sono abbattute su tutta la regione Campania, che si è assistito al cedimento dell’antico muro all’interno degli scavi di Pompei.