Un passo dal cielo 2 riassunto: finale romantico con il botto

Si è conclusa ieri sera Un Passo dal Cielo 2, l’amatissima fiction di Rai 1. Terence Hill si è congedato dai suoi telespettatori con il botto in quanto ha incollato al teleschermo ben 7.693.000 telespettatori per uno share pari al 27.77% a dispetto di Virzì che durante una puntata di Tv Talk aveva riso del fatto che ci si occupasse delle fiction italiane e le aveva definite “camomilla per anziani”. Eleonora Andreatta , direttore di Rai Fiction, ha invece commentato il successo dicendo: “Il risultato di Un passo dal cielo, leader di ascolto della stagione, testimonia che la qualità produttiva della fiction è garante del successo di pubblico, anche presso le fasce più giovani e moderne della popolazione”, aggiungendo che: “il carisma di Terence Hill , l’ambientazione spettacolare dell’Alto Adige, i valori editoriali del racconto , la cura della confezione sono all’origine di questo nuovo successo della fiction italiana” . Cos’è, però, che ha appassionato così i telespettatori?

Riassunto dell’ultimo episodio. Nell’ultimo episodio intitolato Io ti salverò Pietro (Terence Hill), nonostante mille peripezie è riuscito a portare a termine le sue indagini sul giallo riguardante Anya. Dopo aver  rintracciato, in un bordello austriaco, la giovane Natasha, amica di Anya, aveva cercato di portarla in salvo inutilmente facendo arrivare di gran corsa Vincenzo e i suoi uomini per un’irruzione quando ormai i malviventi avevano già avuto l’occasione di far sparire le ragazze.  Nel bordello, però, Pietro aveva trovato un diario in cirillico che aveva affidato all’amica dottoressa affinché fosse tradotto. Pietro non sapeva, però, che l’amica era coinvolta nel giro di prostituzione , ma lo scopre ben presto dopo essere stato accusato di un omicidio ed essere finito in carcere fra le proteste di tutti gli amici. Il realtà Nicolai ha ucciso Berger chiedendo ad Emma, l’amica dottoressa, di lasciare qualcosa di appartenente a Pietro sulla scenda del crimine, ma alla guardia forestale e a Vincenzo serve un po’ di tempo per capirlo realmente  e solo la confessione di Emma, scoperta dallo stesso Pietro, da ad entrambi la certezza delle proprie intuizioni. La dottoressa, però, non è malvagia come si potrebbe pensare e quindi si offre per tendere una trappola a Nikolai e successivamente, quando l’uomo vuole uccidere Natasha fa scudo alla ragazza con il suo corpo mentre la polizia fa irruzione. Fra spari ed inseguimenti Pietro si ritrova in cima ad una montagna con di fronte Nikolai che punta la pistola alla testa della ragazza e quando la situazione sembra finire nel peggiore dei modi in aiuto del forestale giunge l’amico lupo che si becca una pallottola ma riesce a far cadere e ad uccidere Nikolai.

Le vicende personali. Vincenzo, oltre alle indagini, ha avuto diversi problemi personali riguardanti la sfera affettiva. L’uomo è passato dall’impossibilità di poter dire a Silvia di essere ancora innamorato di lei alla voglia di non rivederla dopo che quest’ultima le ha detto di essere incinta e di aspettare un figlio dall’ex Tobias. In questa situazione così difficile Astrid avrebbe voluto approfittare del momento per riprendersi Vincenzo, ma alla fine ha fatto di tutto per aiutarlo e far trionfare l’amore. Dopo aver parlato con Tobias, infatti, Silvia ha deciso di partire, ma Astrid ha prima avvisato Vincenzo e poi lo ha aiutato, grazie ad un amico, a fermare il treno su cui era Silvia e a farla scendere per parlare con l’amato.