4 dicembre su Iris: il thriller nordico “Il senso di Smilla per la neve”

Il film tratto dall’omonimo romanzo di Peter Høeg, si trattò di un grandissimo successo di pubblico, diretto dal regista premio Oscar Bille August, “Il senso di Smilla per la neve” è la proposta di culto di Iris, per la prima serata di martedì 4 dicembre. Høeg è considerato il precursore di un nuovo genere di Letteratura contemporanea: i thriller nordici. In questi termini, la terza opera dello scrittore danese, “Il senso di Smilla per la neve” – vincitrice del premio Dilys, nel 1994 – e la sua trasposizione cinematografica, anticipano di un decennio il successo della celebre trilogia “Millennium”.

La pellicola, antesignana di questo nuovo filone di gialli, è caratterizzata da insolite ambientazioni tra i ghiacci dell’estremo Nord e una spasmodica descrizione di una natura incontaminata. Protagonista del film è Smilla Jasperson (Julia Ormond), una giovane donna di origini Inuit, che vive a Copenaghen. La morte violenta del piccolo Esajas (Clipper Miano), per il quale Smilla prova un sentimento materno, porterà la donna in Groenlandia, sua terra nativa. Qui, con l’aiuto di un meccanico (Gabriel Byrne), inizierà ad investigare sulla morte del suo giovane amico, scoprendo che dietro quell’omicidio si cela uno scandalo scientifico che coinvolge tutta la Nazione.