Home Tempi Postmoderni Curiosità

La classifica dei gatti più simpatici: vincono gli Sphynx, ultimi i “meticci”

CONDIVIDI

Quali sono i gatti più simpatici? E quelli più antipatici? E’ uno studio pubblicato sul Journal of Veterinary Behavior a stilare una speciale classifica, che mette in ordine le specie in base alla loro maggiore o minore amichevolezza. Che ci crediate o no, a dominare la graduatoria è la razza Sphynx, dall’aspetto apparentemente meno friendly a causa dell’assenza quasi totale di pelo, ma che – a giudizio degli studiosi – è la più amichevole ed educata; inoltre, a quanto pare, i gatti Sphynx si arrabbiano molto difficilmente. La ragione, secondo gli studiosi, è da ricercarsi nel fatto che i gatti di questa specie, essendo privi di pelo, hanno maggior bisogno del calore umano. Un risultato doppiamente a sorpresa, visto che – viceversa – all’ultima posizione della classifica troviamo i cosiddetti “meticci”, ossia i comunissimi gatti domestici a pelo corto. A quanto pare i “meticci” sono i meno amichevoli e i meno legati ai padroni; dato confermato anche dall’alta percentuale di gatti domestici che abbandonano la casa che li ospita.

Razze pedigree, le più amichevoli – La ricerca è stata effettuata su 129 gatti appartenenti a 14 differenti razze, e si è basata sulle interviste fatte ai padroni degli stessi gatti, a seguito della quale è stata stilata una graduatoria (con tanto di punteggio) relativa alla “amichevolezza” della specie. Ai padroni sono stati richieste informazioni sul comportamento dei felini, come ad esempio la loro reazione all’ingresso in stanza da parte del padrone, la frequenza con cui apparentemente lo ignorano e il loro comportamento in presenza di sconosciuti. In generale, sembra che le razze pedigree siano più predisposte ad un rapporto amichevole: oltre agli Sphynx, anche Persiani, Birmani, Somali e Siamesi hanno dato riscontri positivi. Importante sottolineare che – indipendentemente da questo studio – gli Sphynx stanno conoscendo un’impennata sul mercato: sempre più persone sono disposte a comprarli proprio per la loro assenza di pelo, che evita complicanze con le comuni allergie al pelo di gatto. Ma gli esemplari di questa specie non sono esattamente alla portata di tutti: il loro costo, infatti, può superare anche i 3000 euro.

photo credit: eskababe via photopin cc

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram