“Gli unicorni sono esistiti”: lo dicono gli scienziati nordcoreani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06

Sono state trovate prove inconfutabili dell’esistenza dell’unicorno, o liocorno, l’animale mitologico protagonista di molte fiabe e che da sempre affascina i bambini di tutto il mondo. A dirlo nientemeno che gli scienziati dell’Istituto di storia dell’Accademia di scienze sociali della Corea del Nord, che annunciano il sorprendente risultato con orgoglio, indifferenti all’ilarità suscitata nella comunità scientifica internazionale.

Tali scienziati avrebbero scoperto i resti della tana del licorno cavalcato da Re Tongmyong, fondatore di Koguryo, il primo impero feudale della Corea. Si troverebbe a 200 metri da un tempio situato a nord della capitale. All’entrata della tana dell’animale gli scienziati avrebbero trovato la prova inconfutabile: una pietra di forma rettangolare con la scritta “Tana di liocorno”.  Jo Hui Sung, direttore dell’Istituto, ha dichiarato: “I libri di storia coreani trattano il tema del liocorno, che è stato cavalcato da Tongmyong e parlano anche della sua tana. Questa scoperta dimostra che Pyongyang era una città capitale della Corea antica, nonché del regno di Koguryo”.

Non solo la prova dell’esistenza dell’unicorno è decisamente una prova bizzarra e poco credibile, ma gli scienziati nordcoreani affermano di non voler diffondere alcuna immagine documentaria che testimoni questo grande ritrovamento. Non è la prima volta che, nel Paese orientale, scienza e informazione vengono “piegati” per rendere più veritiere le leggendarie imprese nei dittatori nordcoreani. Sarà anche questo il caso?

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!