Probabili formazioni Milan-Zenit: turnover e voglia di vincere

Allegri diventa anche euromotivatore. Con il Milan già qualificato e il Malaga irraggiungibile in prima posizione, il tecnico rossonero non ci sta a lasciare andare neanche una partita. E fa bene. Dopo il pessimo inizio di stagione, la qualificazione in Champions e la ripresa in campionato sono castelli di sabbia troppo fragili per rovinarli con una prestazione sottotono. L’obiettivo è dunque, neanche a dirsi, vincere, o comunque rimanere concentrati. Un’ottima occasione, quella di stasera, per allenare le gambe e arrivare preparati alla trasferta nella Torino granata. Che ci tenga tanto è palese anche dall’invito fatto a Berlusconi. “Gli ho detto di venirci a trovare”, ha dichiarato Massimiliano Allegri, “da quanto è tornato più vicino alla squadra abbiamo ritrovato tutti stimoli diversi”. Berlusconi risponde e oggi sarà a Milanello per pranzare con la squadra. Il successo, dunque, serve per i soldi e per continuare sulla scia positiva che sta risollevando il Milan dal suo brutto scivolone di inizio stagione.
Luciano Spalletti e russi al seguito cercano invece una vittoria per approdare almeno in Europa League e ritrovare un po’ di fiducia in un’annata che non sembra concedere molte soddisfazioni al club. I russi dello Zenit, acclamati come la grande delusione del Gruppo C, devono vincere e sperare allo stesso tempo che l’Anderlecht non superi il Malaga con tre reti di scarto. Sicuramente lo spogliatoio di Spalletti non se la passa bene e le tensioni interne sono tante, in primis la vicenda interna riguardo ai contrattoni di Hulk e Witsel che ha destabilizzato gli altri giocatori. Gran parte del merito dell’attuale situazione di girone va comunque attribuita alla rivelazione Malaga, che forse nessuno si aspettava potesse arrivare così lontano e in questo modo. Spalletti spera insomma con il suo 4-3-3 di bucare le maglie di un Milan con poche motivazioni.

Milan – C’è voglia di vincere a Milanello, ma c’è anche bisogno di riposare. Il faraone El Shaarawy si merita il riposo dei giusti e potrebbe partire dalla panchina. Novità dunque in attacco dove Bojan giocherà quasi certamente nel tridente dietro Boateng e Pazzini. Out anche Montolivo, De Jong e Nocerino, spazio a Flamini e Ambrosini. In difesa Allegri potrebbe dar spazio alla coppia centrale Zapata-Acerbi per dare l’occasione al giocatore di recuperare dopo la brutta prestazione di Catania. Riposo anche per Yepes in vista della trasferta contro i granata nella prossima giornata di campionato. Niente da fare per Pato: il suo fastidio continua e salterà anche il Torino.
Ecco la probabile formazione per i rossoneri:
Milan (4-3-1-2): Abbiati; Mesbah, Acerbi, Zapata, De Sciglio; Emanuelson, Ambrosini, Flamini; Bojan Krcic; Boateng, Pazzini. A disposizione: Amelia, Yepes, De Jong, Cristante, Nocerino, El shaarawy, Robinho. Squalificati: Mexes. Indisponibili: Antonini, Abate, Bonera, Pato, Constant, Montolivo. Allenatore: Massimiliano Allegri.

Zenit San Pietroburgo – Annata in salita per Spalletti, tra i problemi di spogliatoio e il petardo lanciato contro il portiere della Dinamo Mosca, costato la sconfitta a tavolino e due gare casalinghe a porte chiuse, ci si mettono anche gli infortuni, così lo Zenit dovrà affrontare i rossoneri in una partita dentro-fuori per sperare nell’Europa League senza il suo bomber stagionale Kerzhakov (11 reti, ndr), out per un problema alla coscia. Intanto Luciano continua la sua visita a Milano con gli allenamenti sotto lo sguardo attento di Fabio Capello e si blinda a San Pietroburgo. Con un eccezione però: “Mi piacerebbe un’altra pesperienza all’estero, magari in Premier League”.
Ecco la probabile formazione per lo Zenit di Spalletti:
Zenit (4-2-3-1): Malafeev; Anyukov, Bruno Alves, Lombaerts, Hobucan; Shirokov, Denisov; Fayzulin, Witsel, Danny; Hulk. A disposizione: Baburin, Lumb, Zuev, Zyryanov, Semak, Djordjevic, Kanunnikov. Squalificati: Bystrov. Indisponibili: Zhevnov, Criscito, Lukovic, Kerzhakov. Allenatore: Luciano Spalletti.

Arbitro: Chapron (Fra). Guardalinee: Turpin-Fautrel (Fra). Quarto uomo: Stien (Fra).