Arrivano i cellulari emozionali: un algoritmo riconosce gli stati d’animo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:22

Cellulari emozionali, algoritmo – Dopo l’avvento dei cellulari intelligenti, gli smartphone, si preparano ad arrivare quelli emozionali, cioè in grado di riconoscere lo stato d’animo in base al tono della voce dell’operatore. Lo studio è ancora agli inizi, ma un gruppo di ricercatori dell’Università di Rochester ha già presentato nel corso del Workshop on Spoken Language Technology il loro primo risultato: un algoritmo in grado di definire lo stato d’animo di chi parla. Il software ha raggiunto l’accuratezza dell’81%, un dato importante, che supera il vecchio 55% dei programmi precedenti.
Per calibrarlo – spiega Wendi Heinzelman, uno dei ricercatori – abbiamo usato le registrazioni di attori che leggono la data del mese. In realtà non importa quello che dicono, quello che ci interessa è come lo stanno dicendo”.
Il software analizza 12 caratteristiche del linguaggio parlato, come tono e volume delle voce, tra le quali identificare sei possibili emozioni. Lo studio ha permesso di sviluppare un’applicazione che visualizza una emoticon triste o felice in base all’emozione registrata.
“La ricerca è ancora agli inizi, – conclude Heinzelman – ma è facile immaginare una applicazione più complessa in grado di utilizzare questa tecnologia per tutto, dalla regolazione dei colori all’ascolto di musica in accordo all’emozione registrata dallo smartphone”.

photo credit: Miguel Pires da Rosa via photopin cc