Fermare il declino: Giannino tifa Meloni, Zingales Renzi

La data del 16 dicembre si avvicina e la nebbia sulle fanta-primarie del centrodestra rimane fitta. Le incognite riguardano in primis il numero e i nomi dei candidati: dopo l’entusiasmo iniziale manifestato da politici e imprenditori, la lista dei papabili si sarebbe, infatti, notevolmente assottigliata  esasperando la confusione generale. A non darsi per vinta è però l’ex ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, che continua a sottolineare l’opportunità di procedere con le consultazioni interne. La sua candidatura è stata già “benedetta” dal giornalista Oscar Giannino, che potrebbe fornire alla giovane pidiellina una speciale consulenza in materia economica.

“Giorgia Meloni è un buon candidato per la sua età, per la sua freschezza e per il fatto di non essere stata scelta in una lista bloccata per altri meriti”. Con queste parole l’animatore del movimento “Fermare il declino”, Oscar Giannino, ha dato corpo negli scorsi giorni al suo personale endorsement all’ex ministro Giorgia Meloni. “Non è in linea con la degenerazione morale e personale del Pdl”, ha continuato l’economista, che ha lasciato intendere di guardare con grande interesse al proponimento della giovane deputata.

Tanto che i soliti ben informati assicurano che tra il giornalista e l’ex ministro sia già stata siglata un’intesa che prevede una collaborazione di Giannino nella messa a punto del programma che la Meloni sta stilando in vista delle primarie. Una  consulenza personale, che dovrebbe imprimere un passo iper-liberistico alle proposte economiche dell’ex ministro.

Ma se Oscar Giannino guarda con occhio benevolo alla Meloni, il collega Luigi Zingales (tra i fondatori di “Fermare il declino”), tradisce invece una particolare simpatia per il sindaco di Firenze, Matteo Renzi. In un intervento postato sul sito del Movimento all’indomani delle primarie di centrosinistra: “Renzi ha perso – ha scritto l’economista – ma la sua battaglia non è stata vana”. Di più: “Se hai votato Renzi, vieni con noi”, ha mandato a dire Zingales ai lettori del sito, lanciando un inedito ponte tra “Fermare il declino” e le proposte del “rottamatore”.