Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

La camorra spara ancora: omicidio in strada a Calvizzano

CONDIVIDI

La camorra continua a colpire nel napoletano e a macinare vittime, e lo fa senza più nascondersi, ma preparando agguati alla luce del sole, in pieno giorno, in strada, davanti a testimoni. Non sono passate neanche 24 ore dall’agguato di Scampia che ieri è costato la vita al pregiudicato Luigi Lucenti, di 50 anni, ucciso brutalmente nel cortile di una scuola materna, alla presenza di genitori, docenti, ma soprattutto di bambini dai 3 ai 5 anni, che oggi, a Calvizzano, si conta un’altra vittima della camorra.

Agguato di camorra a Calvizzano – A perdere la vita nell’agguato di quest’oggi a Calvizzano è stato Luigi Felaco, 40 anni, elemento di spicco del sodalizio criminale tra i clan Nuvoletta e Polverino. L’uomo era una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine e fu arrestato nell’aprile scorso, più tardi rilasciato. Luigi Felaco dall’ottobre del 2011 era ricercato per un mandato di arresto europeo con l’accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso e riciclaggio di denaro. Fu scarcerato, allora, per motivi di salute.

La dinamica dell’agguato – L’uomo, nipote di Angelo Nuvoletta, boss di Marano, è stato gambizzato da alcuni colpi di arma da fuoco e il delitto è stato commesso in via della Resistenza, vicino ad una pizzeria, strada centrale di Calvizzano. Lo hanno assassinato sparandogli cinque colpi in rapida sequenza e tutti in faccia dopo che lui aveva cercato di rifugiarsi scappando dentro un caseificio. Ma all’interno dei locali, i killer giunti su uno scooter, lo hanno colpito una prima volta, finendolo poi all’esterno. La vittima era senza documenti ed è stato riconosciuto tramite una cicatrice e alcuni tatuaggi.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram