Pronto soccorso per capelli grassi e secchi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:22

La vostra capigliatura maltrattata e malridotta richiede aiuto, ma per correre a dare una mano ad ogni pelo che avete in testa pare possano bastare poche semplici mosse. In primis è necessario capire il proprio tipo di capello e di quali inestetismo soffre. Come si trattano i capelli grassi? Come si trattano i capelli secchi? Ci sarà un modo per fare a meno di avere un gatto incazzato in testa, per sentirsi dire di essersi pettinata con i petardi o per sentirsi accusare di non curarsi abbastanza e di avere sempre i capelli sporchi?

Capelli grassi. Cosa succede ai capelli grassi? Da cosa dipende il problema? In generale più i capelli sono fini, più capelli abbiamo, vi sono più ghiandole sebacee. Il calore intenso, l’umidità e i cambiamenti ormonali possono accelerare la produzione di sebo. La cosa più importante per combattere l’eccesso di untuosità è fare un shampoo anche tutti i giorni scegliendo un prodotto limpido e trasparente a base di ortica bianca, di argilla o di capuccina. Lo shampoo scelto, però,  non va mai versato direttamente sui capelli ma diluito con un po’ d’acqua tiepida in modo da distribuirlo meglio su tutta la testa. Durante questa operazione bisogna poi massaggiare a fondo la cute con delicati movimenti circolari dei polpastrelli partendo dalla fronte verso la parte posteriore della tesa; il massaggio servirà anche a rilassarvi. Sarebbe meglio fare uno shampoo doppio lasciandolo agire ogni volta per cinque minuti e provare a fare a meno del balsamo, ma se serve, e non si può vivere senza, sarà meglio utilizzare  un prodotto che contenga il minimo di grasso e applicarlo solo sulle punte, invece che sulle radici. Successivamente i capelli vanno risciacquati accuratamente usando acqua tiepida e per ultimo un getto d’acqua fredda in quanto l’acqua calda aiuterebbe le ghiandole sebacee ad iniziare la loro produzione rendendo unti i capelli anche appena lavati. I consigli della nonna, per il risciacquo, vedono bene l’utilizzo di un po’ di succo di limone o un cucchiaio di aceto di mele. Chi ha i capelli grassi non deve usare troppo la spazzola rendendolo piatti e appiccicati alla testa e non deve avere un taglio uguale ovvero non tenete i capelli lunghi e tutti della stessa misura.

Capelli secchi. Chi l’avrebbe mai detto che l’acqua può essere la vera responsabile della disidratazione del capello? Basta pensare a quella salata,  a quella clorata, o insaponata e si possono subito immaginare i possibili danni.  Altri colpevoli, invece, sono le tinture, le permanenti, i bigodini elettrici, l’eccesso di asciugatura e l’esposizione al vento e al sole. I capelli andrebbero lavati con cura e non molto di frequente perché lo shampoo non lava via solo lo sporco ma toglie anche i grassi. Fra i prodotti da applicare sui propri capelli vanno scelti shampoo con Hamamelis, Calendula e Olii vegetali, mentre il balsamo è quasi un must perché serve come “sostituto” del sebo naturale e protegge i capelli dallo smog e dalle aggressioni esterne

photo credit: FotoRita [Allstar maniac] via photopin cc