Udine: 22enne uccisa in casa a coltellate da ex fidanzato

Ancora una volta la violenza bruta di un uomo si è scagliata su una giovane donna, portandole via la dignità, la speranza, oltre che la vita. Soltanto dieci giorni fa in tutte le città italiane è stata festeggiata la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e oggi, in provincia di Udine, si conta l’ennesima vittima della follia omicida umana.

Uccisa giovane donna in provincia di Udine – Una giovane di 22 anni, Lisa Puzzoli, è stata uccisa oggi, nel tardo pomeriggio, a coltellate dall’ex convivente, al termine di un litigio sfociato in una colluttazione. Il tragico assassinio è accaduto nell’abitazione privata della giovane donna, in una frazione di Basiliano, in provincia di Udine. L’uomo, che per una follia omicida ha ucciso con un’arma da taglio la sua ex convivente, subito dopo aver commesso il fatto, ha telefonato alle forze dell’ordine, confessando il suo reato.

La dinamica del tragico omicidio – La dinamica del tragico omicidio per il momento non è ancora stata ricostruita completamente: secondo le prime indiscrezioni sembrerebbe che l’uomo si sia recato a casa della donna portando con sé un coltello in  tasca, quindi potrebbe essere messa al vaglio l’ipotesi della premeditazione. Al momento della colluttazione e dell’omicidio sarebbe stato presente anche il fratello della giovane vittima.

Denunce per persecuzione contro l’assassino – Secondo le prime informazioni giunte dalle forze armate, la giovane donna, Lisa Puzzoli, vittima della furia omicida del suo ex convivente, dal 2010 aveva presentato già tre denunce alle forze dell’ordine per persecuzione nei suoi confronti da parte del 27enne con il quale per alcuni anni aveva convissuto. I due già da tempo non vivevano più insieme per disaccordi. Sembra che alla base dei frequenti litigi ci fosse la nascita di una bambina, due anni fa, che l’uomo non avrebbe ancora riconosciuto, in attesa di un test del Dna che ne avrebbe accertato la paternità.