Les Miserabiles: Hanne Hathaway quasi morta di fame

“I miserabili è un film molto diverso dal mio precedente “Il discorso del re”, ma c’è un tema in comune: la ricerca del la dignità umana, che è uguale per i re e per gli ‘ultimi’ del la società. È una storia sui poveri del la Parigi del 1800 e il tema del la giustizia sociale è senza tempo, molto contemporaneo, nell’epoca del la crisi economica e delle eterne disuguaglianze sociali.”Questo l’esordio del regista Tom Hooper (Oscar per “Il discorso del re”) ai microfoni di Anna Praderio per la rubrica “Note di Cinema”, in onda su Iris, lunedì 10 dicembre, alle ore 17.30.

Da Leicester Square, a Londra, teatro dell’anteprima mondiale di “Les Miserables”, il film ispirato al romanzo di Victor Hugo, e tratto dal musical che proprio nei teatri del West End londinese è esploso, l’inviata del Tg5 ha raccolto le testimonianze dei protagonisti Anne Hathaway e Hugh Jackman. Hathaway, che interpreta Fantine, racconta: “È l’anno più felice del la mia vita: mi sono sposata con l’uomo che amo e ho interpretato i due personaggi più belli del la mia carriera, Fantine nei “Miserabili” e Catwoman in “Batman – Il ritorno del Cavaliere oscuro”: due eroine antitetiche, ma straordinarie per un’attrice. Due facce opposte del la femminilità: una rappresenta la forza dell’amore, l’altra la capacità di combattere da so la . Per interpretare Fantine – conclude l’attrice – ho affrontato una trasformazione fisica forte: mi sono tagliata i capelli cortissimi e sono dimagrita 10 chili”.

Hugh Jackman, che interpreta Jean Valjean, prosegue dicendo: “Les Miserables” è il primo musical del la storia del cinema in cui tutte le canzoni sono interpretate dal vivo: per noi attori è stata una sfida incredibile; sul set non avevamo playback e abbiamo cantato tutti i temi musicali in diretta”.

photo credit: Horustr4n via photopin cc