Maltempo: ‘Giunone’ porta ancora freddo e neve

Quella che è appena cominciata sarà una settimana all’insegna del maltempo e del freddo. Lo riferiscono gli esperti che hanno confermato l’arrivo di una nuova perturbazione artica che farà ‘rabbrividire’ gli italiani, facendo loro rimpiangere Attila che, già da qualche giorno, aveva portato le temperature ad abbassarsi.

Arriva Giunone e porta ancora neve e freddo intenso – Un’incursione di aria gelida dalla Scandinavia porterà il termometro a scendere vertiginosamente, facendo registrare temperature ampiamente sotto lo zero su molte città italiane. Un nuovo vastissimo ciclone che dall’alto Atlantico raggiungerà la nostra amata penisola, colpirà intere regioni italiane, portante freddo, gelo e tanta neve. Tra le regioni più colpite ci sono di sicuro quelle interessate dalla zona alpina: Valle d’Aosta, Piemonte e Trentino Alto Adige, in particolare, dove si prevedono nevicate anche a bassa quota. Con il passare delle ore, il nuovo ciclone atlantico si sposterà verso le zone centrali e del Sud Italia, portando neve e gelo anche sulla Pianura Padana, in Toscana e nei rilievi del Lazio e dell’Abruzzo. Anche nella Capitale la temperatura scenderà vertiginosamente, toccando gli zero gradi. Previste gelate nella notte.

La parola agli esperti – Stando alle previsione del meteorologo Antonio Sanò, direttore del portale www.ilmeteo.it, “la parte più attiva della perturbazione collegata a ‘Giunone’ raggiungerà il nord Italia entro la sera di venerdì, quando su Milano e Lombardia e sulle Alpi sono attesi 10 cm di neve ogni 6 ore, per un totale dai 20 ai 40 cm di neve fresca. Inizialmente nevicherà sul resto del nord anche in Liguria con tramontana scura, poi i venti meridionali trasformernano la neve in pioggia su molte zone costiere, mentre nevicherà fino a sabato sulle Alpi e sulla Lombardia, prima di lasciare spazio a gelate intensissime, foschie, nebbie e con i temproali che scivoleranno verso il sud. Altre perturbazioni meno fredde sono in agguato fino a Natale”.