Viaggio tra i presepi shock ed insoliti d’Italia

Tra le tradizioni più antiche, anche il presepe, rappresentazione della natività di Gesù e simbolo natalizio da sempre coltivato nelle case di tutti gli italiani, è pronto ad uscire fuori dagli schemi classici per fare i conti con la modernità e i bisogni attuali… Presepe choc, di cui in questi giorni si è tanto parlato tra i media, è quello allestito nella città di Carrara: a figurare nella suggestiva installazione, non un Gesù Bambino dalle guance rosee e dai riccioli biondi, ma un “Gesù” scheletrico e sofferente. A far da cornice, bidoni di metallo ed immagini di miseria e sofferenza scattate nel mondo: una rappresentazione più che mai veritiera, ispirata alla morte di Olga Komut, una giovane donna ucraina travata morta all’ottavo mese di gravidanza, uccisa dagli stenti e dal freddo in una tenda allestita nella periferia della città. Un presepe all’insegna della riflessione sulla miseria e sul dolore del mondo, un presepe “choc” che ha scosso i visitatori grazie al suo forte realismo…

Presepe altrettanto insolito è quello realizzato nell’ospedale di Portogruaro, in provincia di Pordenone: stavolta protagonista della rappresentazione è una Madonna in dolce attesa, con tanto di pancione in evidenza. Una Madonna decisamente inedita, che secondo l’allestitore, il diacono Daniele Gazzin, non è stata pensata per dare scandalo, bensì “perché la figura di Maria incinta rientra anche nella logica”. Se poi parliamo di presepi davvero particolari, impossibile non citare le statuine realizzate a San Gregorio Armeno, tra i presepi napoletani più famosi in Italia. Dopo l’ultima notizia della gravidanza di Kate Middleton, è stata subito allestita una simpatica statuina della Duchessa in abito da sposa ed evidente pancione, al fianco del marito William e di una Regina Elisabetta in completo giallo canarino…
photo credit: nardino via photopin cc