Calciomercato Roma, Marciel per Zeman: Sabatini colpisce ancora?

CALCIOMERCATO ROMA – Marciel potrebbe essere il prossimo colpo di Walter Sabatini, sempre a caccia di giovani da portare a Trigoria, magari far crescere anche in primavera (o direttamente in prima squadra), per poi lanciarli definitivamente in Serie A (come accaduto per Nico Lopez, ad esempio). Questo ennesimo ragazzo proveniente dal Brasile, 18 anni non ancora compiuti, è cresciuto nella scuola calcio di Emerson, ex dell’ultimo scudetto ora tornato in patria per formare talenti.

Secondo indiscrezioni rilasciate da Pato Moure, giornalista brasiliano, l’ex calciatore è stato addirittura a Roma per trattare con Franco Baldini: tra i due c’è un ottimo rapporto, fu l’attuale direttore generale a portarlo nella capitale, con Franco Sensi presidente. Proprio l’esperto di calcio sudamericano rilascia delle brevi dichiarazioni sul giocatore: “Ha mosso i primi passi nella scuola calcio di Emerson, è un fenomeno”.

Anche volendosi fidare occorrrerebbe saperne di più per dare un vero e proprio giudizio, ma potrebbe essere comunque interessante fare un ragionamento sulla strategia sul mercato della Roma, chiara, anzi chiarissima sul breve medio periodo, ma molto meno sul medio-lungo: ovvero, questa ‘officina’ di talenti che si sta formando a Roma e alla Roma, tra qualche anno che fine farà. Molto semplicemente, a calcio si gioca in undici e anche se è vero che una rosa è sempre perfettibile, se l’età media è molto bassa ora, tra qualche anno sarà abbastanza matura da essere considerata affidabile (anche per vincere). Se si continua a comprare, alle spalle i titolari, che tra qualche anno avranno 24-25 anni, avranno altri 20enni, i quali non avranno però modo di giocare per farsi le ossa, a differenza di oggi.

Tutto questo gioco per arrivare ad un ragionamento molto semplice, probabilmente i giallorossi saranno pronti a cedere, almeno tanto quanto a far crescere i suoi. Questo, almeno per adesso, non è dato saperlo, e anche se fosse sarebbe una strategia intelligente: nel calcio odierno, chi è abile a vendere non è limitato, ma un dirigente  moderno.