Balla “Gangnam Style” e muore: la tragedia di Eamonn, 46enne inglese

Il bello di essere follemente famosi come Psy e la sua “Gangnam Style” è di comparire su tutti i giornali e guadagnare un sacco di soldi; ma alle volte si può sperimentare anche il lato oscuro della fama, e vedersi associati a eventi sgradevoli di ogni tipo. Come la morte, ad esempio. La tragedia è avvenuta lo scorso week-end in Inghilterra, dove Eamonn Killbride, 46enne di Blackburn, padre di tre figli, è deceduto dopo aver ballato la famosa “horse-dance”, ideata dal rapper coreano. L’occasione infausta è stata il compleanno di sua moglie Julie (che lo aveva definito “la vita del party“) al Whitehall Country Club di Darwen, nel Lancashire

Un avviso importante – Il Daily Telegraph, che riporta la notizia, cita anche un avvertimento del professor Bernard Keavney, cardiologo e docente all’Università di Newcastle, diretto soprattutto agli uomini di mezza età: “Gli uomini non dovrebbero allontanarsi dalla loro ‘zona di comodità’ – ha affermato Keavney – La possibilità che voi soffriate è molto bassa, ma come per ogni forma di esercizio atipico…siate misurati. Lasciate che siano le donne a danzare intorno a voi“. Tragedie del genere non intaccano comunque il successo di Psy, che con “Gangnam Style” ha venduto oltre 4 milioni di copie in tutto il mondo, vanta un numero spropositato di parodie on-line ed è il video più visto nella storia di YouTube. Attualmente è a quasi 950 milioni di visualizzazioni; entro la fine dell’anno, molto presumibilmente, arriverà al miliardo.

 

photo credit: KOREA.NET – Official page of the Republic of Korea via photopin cc