Usa: sparatoria all’asilo. 27 vittime, 18 bambini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00

La notizia è di poche ore fa: un uomo, una ragazzo di 24 anni stando alle indiscrezioni trapelate dalla polizia americana, avrebbe seminato il terrore in una scuola materna di Newton, nel Connecticut. L’uomo ha aperto il fuoco all’interno dell’edificio, provocando un numero altissimo di vittime, soprattutto tra i bambini. Il tragico evento è successo alla Sandy Hook Elementary School, una scuola elementare e materna, intorno all 9.30 ore locali, le 15.30 in Italia.

Strage in una scuola materna nel Connecticut – È di almeno 27 vittime, tra cui 18 bambini, il bilancio della strage in una scuola elementare di Newtown, in Connecticut, negli Stati Uniti. Secondo il quotidiano locale Hartford Courant, che per primo ha dato la notizia, quando i poliziotti hanno evacuato l’edificio che era stato preso di mira dal giovane 24enne, un’intera classe non ha risposto all’appello. L’uomo portava indosso un giubbotto antiproiettile e quattro armi da fuoco.

Il racconto dei testimoni oculari – Stando a quanto raccontato da alcuni testimoni oculari che questa mattina hanno assistito alla strage all’interno della Sandy Hook Elementary School, una scuola elementare e materna di Newton, nel Connecticut, sarebbero stati sparati oltre 100 colpi. L’uomo avrebbe aperto il fuoco in alcune classi dell’asilo. Il suo corpo è stato ritrovato assieme alle altre vittime della strage. Non è ancora chiaro se il giovane 24enne colpevole della tragedia si sia tolto la vita, suicidandosi, o sia stato ucciso da alcuni colpi sparati dalla polizia che, ad un certo punto, ha risposto al fuoco.

Le notizie in riferimento alla strage nella scuola elementare e materna del Connecticut filtrano con molta difficoltà perché la scuola è stata isolata. La polizia ha circondato tutta la zona e sul luogo sono arrivate squadre speciali, oltre ad ambulanze e soccorsi.