Morta Alida Chelli, grande amore di Walter Chiari

E’ ieri morta, all’ospedale Sant’Eugenio di Roma, Alida Rustichelli, in arte “Alida Chelli”. L’attrice si è spenta dopo una lunga malattia, all’età di 69 anni. Una donna di spettacolo poliedrica, che ha mosso i suoi primi passi nei varietà televisivi. Figlia del compositore di colonne sonore e direttore d’orchestra Carlo Rustichelli, inizia la sua carriera come cantante: la Chelli fa conoscere la sua splendida voce grazie all’interpretazione di “Sinnò me moro”, scritta dal padre come colonna sonora del film “Un maledetto imbroglio”. La Chelli passa al teatro e lascia il segno in diverse commedie teatrali: indimenticata è tuttora nel musicarello “Quando dico che ti amo”, ma soprattutto nel ruolo di Rosetta in “Rugantino” (1978). Seguono poi i successi di  “Cyrano” nel 1979 con Domenico Modugno, e “Aggiungi un posto a tavola” nel 1990 con Jhonny Dorelli.

Alida Chelli è tuttora ricordata come il grande amore di Walter Chiari, dal cui matrimonio nasce Simone Annicchiarico, conduttore di “Italia’s got talent”. La bella attrice, fallita la relazione con Chiari, si lega al ricco conte Agusta e successivamente al già celebre Pippo Baudo. Proprio il conduttore ha espresso, durante un’intervista ad Adnkronos, tutto il suo dolore per la morte dell’ex compagna: “La amavo moltissimo, è stata una grande perdita per me perché il nostro è stato un rapporto molto bello che è durato a lungo”- ha dichiarato Baudo. Sette gli anni di convivenza con la bella Alida, di cui il conduttore ricorda le straordinarie doti artistiche, concludendo che “Alida è stata la più brava Rosetta di ‘Rugantino’, come cantava lei ‘Roma non fa’ la stupida stasera’, non la cantava nessuno”…