Omosessualità, Vendola al Papa: Chiesa non chiuda al dialogo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:13

La scomunica scandita ieri dal Papa contro le coppie omosessuali ha spinto il leader di Sel, Nichi Vendola, a rivolgere un appello accorato alla Chiesa. Il governatore della Puglia – che ha da tempo dichiarato la propria omosessualità e da sempre si professa cattolico – ha infatti sentito il bisogno di sollevare alcuni interrogativi, nella speranza di scalfire (almeno in parte) la rocciosa chiusura della Chiesa sul tema dell’omosessualità.

“L’omofobia è una fabbrica di intolleranza e di violenza. Perché far finta di nulla? Perché chiudersi a riccio nella difesa dei propri dogmi?”. A scriverlo ieri su facebook è stato il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, amareggiato dalle parole pronunciate ieri da Benedetto XVI in occasione della Giornata mondiale della Pace. Il Papa ha sostanzialmente rimarcato la netta chiusura della Chiesa alle coppie gay, il cui riconoscimento è stato definito “un’offesa contro la verità della persona umana e una ferita per la giustizia e la pace”.

Parole durissime che hanno inquietato non poco il cattolico Vendola: Vorrei chiedere alla Chiesa: perché questa fuga dal dialogo, dall’ascolto, dal confronto?  – ha scritto – In fondo anche gli inquilini del Sacro Soglio hanno sbagliato più volte nel corso della storia. Mi permetto di citare il verso di una preghiera – ha concluso il leader di Sel – ‘Signore, salvami dall’imperizia di chi salva i principi e uccide le persone'”.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!