Domenica Live: la vita di Michele Misseri

Dopo la telefonata in diretta della settimana scorsa, oggi, domenica 16 dicembre, a Domenica Live sta andando in onda una lunghissima intervista di Barbara D’Urso a Michele Misseri, collegato da casa sua. In uno spazio insolito, perché la conduttrice annuncia fin dall’inizio che il tempo da dedicare sarà veramente molto, il caso di Sarah Scazzi viene introdotto attraverso le immagini dell’ultima udienza in aula di zio Michele, ma al ritorno in studio i toni cambiano e la narrazione fa un passo indietro senza nominare la piccola Sarah.

L’infanzia di Michele. Barbara inizia, infatti, volendo raccontare la storia del Misseri, ma soprattutto premettendo e precisando, secondo il volere del suo ospite, che sarà l’ultima volta  che comparirà in tv e che non prenderà un centesimo, come non ha mai percepito nulla, tanto che lo stesso Michele sottolinea: “mai sulle ossa di quella poveretta”, anche se non sa come campare perché gli hanno rubato le olive che avrebbe dovuto raccogliere. Misseri racconta, incalzato da Barbara, della sua infanzia, piange e racconta del padre ubriaco, dei maltrattamenti anche sotto l’albero del fico incriminato. Misseri racconta di essere stato legato e di essere stato picchiato lasciando intendere che quando era piccolo ha subito maltrattamenti ed altro anche da persone etranee.

Il rapporto con la sua famiglia. Prima dello stacco pubblicitario Misseri racconta di aver conosciuto la moglie Cosima nei campi dove lavorava il fratello Carmine. Barbara cerca di capire se il loro sia stato un matrimonio d’amore, visto che i due si sono sposati solo sei mesi dopo essersi conosciuti, ma Michele sembra reticente e alla domanda diretta non risponde mai pienamente con un sì raccontando, inoltre, che sua madre spingeva per le nozze insieme al suocero. Ritornati in studio, dopo gli spot, Misseri riprende il suo resoconto precisando le false notizie apparse in questi anni e cioè puntualizzando le dicerie uscite sul suo conto come il fatto che mangiasse gli avanzi, che lavasse i piatti e che dormisse su una sedia a sdraio in cucina. Misseri, con altre lacrime agli occhi, narra di dormire ancora ora su quella sedia per paura di non sentire l’arrivo dei carabinieri che devono vegliare sul suo obbligo di dimora. La D’Urso incalza Misseri e il racconto si sposta sulla nascita delle figlie tanto che insieme sottolineano come Sabrina fosse legatissima a lui.

photo credit: Simone Tagliaferri via photopin cc