Meteorite precipita a Palermo

Palermo: bimba recupera un frammento di asteroide. Un episodio che anima ulteriormente le discussioni sull’ormai vicina data del 21 dicembre 2012. E se gli antichi Maya avessero ragione?

Asteroide caduto vicino Palermo – La notte scorsa, una scia rossa nel cielo ha attratto la curiosità di una bambina che, affacciandosi dal balcone della propria casa, ha seguito attentamente la sua traiettoria. La mattina seguente, la bambina, accompagnata dai genitori, ha deciso di andare a verificare cosa fosse quello strano oggetto, individuando il punto dove aveva visto terminare la pista infuocata. In un campo, poco distante da via Cammareri Scurti, nel quartiere Brancaccio, nel capoluogo siciliano, ha scoperto una pietra nera e ancora fumante. All’emozione e allo stupore iniziale, si è subito sostituito un senso di paura e di sgomento. Dopo aver raccolto quello che a prima vista poteva sembrare una normale pietra, e portatala a casa, la famiglia siciliana ha pensato bene di chiamare le forze armate. Sul luogo sono intervenuti la polizia e i vigili del fuoco di Palermo che hanno preso in consegna il masso.

Profezia Maya che si realizza? – Le prime verifiche hanno accertato che la roccia, grande circa 15 cm e pesante un chilo, non fosse radioattiva. Successivamente, il frammento è stato affidato all’istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia che dovrà chiarire con ulteriori approfondite indagini da dove provenga. Secondo una prima ipotesi, formulata da esperti, si potrebbe trattare di un pezzo dell’asteroide Toutatis, sfrecciato vicino alla Terra pochi giorni fa. Secondo i più superstiziosi, il piccolo meteorite potrebbe essere un segno della profezia Maya che prevede la fine del Mondo per il 21 dicembre 2012. La domanda sorge spontanea: e se i Maya avessero ragione?