“La bottega dei suicidi: revocato l’ordine di censura, il film uscirà senza restrizioni

Allarme rientrato, a quanto pare, per il film d’animazione “La bottega dei suicidi” di Patrice Leconte. La Commissione di Censura aveva infatti bollato il film d’animazione come “Vietato ai minori di 18 anni” a causa dei suoi forti contenuti inerenti il suicidio, scatenando l’indignata reazione del regista e della Videa, società di distribuzione del film in Italia, che era ricorsa in appello. Il ricorso, come si apprende da un comunicato stampa reso noto dalla società, è stato accolto: il film avrà dunque una normale distribuzione nelle sale. “Siamo lieti di comunicarVi – leggiamo nel comunicato – che, a seguito del ricorso in appello avanzato dalla società Videa C.d.e. Spa. nei confronti della decisione presa in primo grado dalla Commissione di Revisione Cinematografica, il divieto di visione ai minori di anni 18 del film d’animazione ‘La bottega dei suicidi’ di Patrice Leconte, è stato revocato“. Nessuna restrizione dunque. “Il film , privo di qualsiasi divieto della censura – prosegue il comunicato -, sarà regolarmente distribuito nelle migliori sale italiane a partire dal 28 Dicembre e, in anteprima nazionale, da venerdì 21 Dicembre al Cinema Fiamma di Roma“.

Sinossi ufficiale del film – In una città cupa e desolata gli abitanti sono disperati e hanno perso il gusto di vivere… ci si sente felici e si tira un sospiro di sollievo solo ne “La Bottega dei Suicidi” in cui tutti possono trovare il rimedio più adatto per porre fine alla propria, inutile vita. In un momento così tetro, le cose vanno a gonfie vele solo  per i coniugi Tuvache, che gestiscono il singolare negozio… fino al terribile giorno della nascita di Alan, lui sorride, è ottimista ma peggio ancora…è felice di essere al mondo.